SALE ANCORA LA TENSIONE IN MEDIO ORIENTE

Nelle ultime ore è andata in crescendo la tensione in Medio Oriente, dopo che l’esercito israeliano ha colpito un campo profughi nella zona di Rafah. L’obiettivo erano dei vertici dell’organizzazione terroristica Hamas: tuttavia, nell’attacco sono rimaste coinvolte decine di civili. Il bilancio è di almeno 45 morti e 180 feriti, dopo che un incendio si è propagato nella tendopoli occupata dai civili.

L’attacco è stato duramente condannato non solo dai tradizionali alleati dei palestinesi ma anche dal mondo occidentale e dalle organizzazioni internazionali, che ora chiedono a gran voce a Israele di cessare le operazioni a Rafah. Lo stesso premier israeliano Netanyahu ha definito la strage un “tragico incidente”.

In aggiunta al tragico episodio a Rafah, nella giornata di ieri è avvenuto uno scontro a fuoco al confine tra Israele ed Egitto. Le prime informazioni parlavano di un soldato egiziano rimasto ucciso, ma con il passare delle ore è calata una cortina fumogena sulla storia, con le due parti – Israele ed Egitto – che stanno facendo il possibile per minimizzare l’accaduto. I due Paesi, infatti, non vogliono aumentare ulteriormente la tensione nell’area.

Resta inteso che il rischio di escalation regionale resta molto alto, anche se inferiore rispetto a qualche settimana fa, con l’attacco diretto dell’Iran a Israele e la risposta di quest’ultimo.

Gestisci trasferte aziendali? Scopri cosa possiamo fare per te.

Travel Security, protezione e tutela completa, in tutto il mondo ed in ogni momento
Cube srl Logo
Security made in Italy

Soluzioni di sicurezza efficaci, risk management, valutazione e gestione dei rischi aziendali, corsi di formazione e sicurezza dei trasfertisti in tutto il mondo.

Send this to a friend

Richiedi una consulenza per la tua azienda

Send this to a friend